Processione 20 Gennaio

La Processione del 20 gennaio

Il 20 gennaio, in piena sintonia di quanto riportato nel calendario martirologio romano, la Chiesa Cattolica commemora e festeggia ogni anno S. Sebastiano.

A Mistretta, anche per le condizioni climatiche non favorevoli, la festa del Santo Patrono è celebrata solo dai paesani in “tono minore” se così possiamo dire rispetto alla festa del mese di agosto. Essa, si limita soltanto alla processione, senza gli addobbi luminosi, i giochi pirotecnici e la raccolta dei “miracoli”. È ugualmente un giorno importante. La pesante vara di San Sebastiano, uscita dalla Sua chiesa, è portata a spalla da circa 70 portanti che indossano un tradizionale costume con camicia bianca, pantaloni di velluto nero, i “pirunetta” ossia i calzettoni di lana e un fazzoletto di color carminio al collo. Prima della processione recitano la preghiera al santo e dopo aver baciato la reliquia, si posizionano sotto la “grande vara”, e sotto la “varetta” per condurli lungo le vie della città secondo un percorso più corto, fermandosi nei posti dove, in passato, erano ubicati gli ospedali o nei luoghi di assistenza agli ammalati spesso soggetti alle epidemie.  In alcuni punti assegnati il Santo corre. I portanti, svolgono questo piacevole compito con fede ed entusiasmo tramandato secondo la tradizione, da padre in figlio. La Benedizione Eucaristica conclude la solenne processione indicando la scelta del popolo di Mistretta di fare di Cristo il centro della propria storia e del proprio futuro.

Note bibliografiche

  1. SEMINARA, La festa di S. Sebastiano a Mistretta, in altervista blog (sito internet).

A cura di Santina Rondine