SAN SEBASTIANO PATRONO DEI CORPI DEI VIGILI URBANI D’ITALIA

La spiegazione della scelta di San Sebastiano patrono dei Vigili Urbani d’Italia la troviamo nel Breve Pontificio del 3 Maggio 1957 con il quale Pio XII ha formalmente proclamato il santo martire”custode di tutti i preposti all’ordine pubblico che in Italia sono chiamati “Vigili Urbani”.

Il breve apostolico è un documento pontificio (litterae apostolicae), meno solenne della bolla, che è usato per regolamentare gli affari di minore importanza della Santa Sede. Dato che i singoli generi di documenti possono essere distinti per mezzo di aggiunte, nel linguaggio ufficiale latino della Curia Romana, vengono identificati con l'etimo di litterae in forma brevis.

Vogliamo riscoprire il testo in latino del documento pontificio tradotto in italiano da Padre Gerardo Cioffari, Docente presso la Facoltà Teologica Pugliese di Bari e Storico della Basilica di San Nicola di Bari.

PIUS PP. XII LITTERAE APOSTOLICAE

PRAECLAROS INTER CHRISTI

SANCTUS SEBASTIANUS, MARTYR, PATRONUS CAELESTIS OMNIUM EX ITALIA URBANI ORDINIS CUSTODUM, VULGO «VIGILI URBANI», CONSTITUITUR.

Ad perpetuam rei memoriam. — Praeclaros inter Christi martyres, peculiari pietate ardentique studio praecipuum apud fideles locum obtinent milites; quos inter, qui, Diocletiano Imperatore, prout traditur, praetorianae cohortis dux fuit, Sanctus Sebastianus, praefulget maximaque colitur religione. Principi devotus, multo autem magis Christo, Sebastianus, ad Christianos occulte adiuvandos fovendosque, duplex, uti ferunt, idemque illustre subiit martyrium, cuius memoria et in fidelium animis et in operibus arte confectis mansit et nunc quoque pie colitur splendideque fulget. Cui etiam, tamquam Patrono, innumerae tum militum tum civium consociationes, illius exemplo atque christianis virtutibus probe sciteque innixae, se voverunt. Nunc vero, instantibus plurimis Italiae Episcopis urbanique ordinis custodum praepositis nec non dilecto filio Operis Italicis opificibus religiose moraliterque iuvandis, quod compendiosis litteris « O.N.A.R.M.O. » vulgo nuncupatur, Moderatore Generali, Nos submisse instanterque rogamur, ut laudatum Sanctum Sebastianum, Martyrem, omnium ex Italia Urbanorum Custodum caelestem apud Deum Patronum constituere benigne velimus. Nos autem, Romanorum Pontificum, Decessorum Nostrorum, vestigiis inhaerentes, ut praefati Custodes, civilis conformandae societatis disciplinae addicti, grave suum officium fideliter nec non Christiana inspirante pietate valeant explere, huiusmodi precibus annuendum perlibenter censemus. Quapropter, ex Sacrae Rituum Congregationis consulto, omnibus attente perpensis, certa scientia ac matura deliberatione Nostra deque Apostolicae potestatis plenitudine, harum Litterarum vi perpetuumque in modum Sanctum Sebastianum, Martyrem, omnium ex Italia urbani ordinis Custodum, quos Italico sermone « Vigili Urbani » vocant, Caelestem apud Deum Patronum, omnibus adiectis honoribus ac privilegiis liturgicis, praecipuis coetuum Patronis rite competentibus, facimus, constituimus ac declaramus. Contrariis quibuslibet minime obstantibus. Haec edicimus, statuimus, decernentes praesentes Litteras firmas, validas atque efficaces iugiter exstare ac permanere ; suosque plenos atque integros effectus sortiri et obtinere; illisque ad quos spectant seu spectare poterunt, nunc et in posterum, plenissime suffragari ; sicque rite iudicandum esse ac definiendum ; irritumque ex nunc et inane fieri, si quidquam secus super his, a quovis, auctoritate qualibet, scienter sive ignoranter contigerit attentari.

Datum Romae apud Sanctum Petrum, sub anulo Piscatoris, die III mensis Maii, anno MDCCCCLVII, Pontificatus Nostri undevicesimo.

 De speciali mandato Sanctissimi Pro Domino Cardinali a publicis Ecclesiae negotiis GILDO BRUGNOLA a Brevibus Apostolicis

PIO PP. XII LETTERA APOSTOLICA

PRAECLAROS INTER CHRISTI

San Sebastiano, Martire, patrono dei comandi di Polizia Municipale “polizia urbana” d’ Italia .

 A perpetua memoria dell’evento. Tra gli illustri martiri di Cristo i soldati, per la loro religiosità e il loro attaccamento al dovere, occupano un posto principale presso i fedeli. Tra questi, al tempo dell’Imperatore Diocleziano, come si tramanda, San Sebastiano, che fu capo della coorte pretoriana, eccelle ed è venerato con grandissima devozione. Fedele all’imperatore, e ancor più a Cristo, Sebastiano al fine di aiutare di nascosto e favorire i cristiani subì, come dice la tradizione, un doppio glorioso martirio la cui memoria è rimasta negli animi dei fedeli ed è stata raffigurata nelle opere d’arte, ed ancora oggi è devotamente celebrata e splendidamente rifulge. Inoltre, a lui si sono consacrate come a loro patrono innumerevoli associazioni sia militari che civili, spinte dal suo esempio e animate saggiamente da cristiane virtù. Noi quindi, volendo seguire le orme dei Pontefici Romani nostri predecessori, affinché i suddetti Vigili Urbani addetti al mantenimento dell’ordine pubblico possano espletare fedelmente ed in uno spirito di religiosità cristiana il loro compito, riteniamo di soddisfare volentieri le suddette richieste.
Per la pienezza della Nostra potestà Apostolica, in virtù di questo scritto e per sempre facciamo, costituiamo e dichiariamo San Sebastiano Martire Celeste Patrono presso Dio di tutti quei Custodi dell’ordine pubblico detti in lingua italiana «Vigili Urbani», con tutti gli annessi onori e privilegi liturgici che competono alle associazioni che lo hanno come Patrono.
Dato a Roma presso San Pietro, con l’impressione dell’anello del Pescatore, il giorno 3 del mese di maggio, dell’anno 1957, diciannovesimo del Nostro Pontificato.